Main Diritto e violenza: un'analisi giusletteraria

Diritto e violenza: un'analisi giusletteraria

5.0 / 5.0
0 comments
With the rise of modernity, law faces an irreducible contradiction. It must stem the State’s available strength, while at the same time use this strength to make its decisions binding. The author, starting from this paradox, analyses the legal, philosophical and literary discourses of modernity to find the right tools to properly differentiate law and “vis”, overcoming two philosophical and juridical traditions: the one depicting law as a Leviathan, and the one wanting to make it immune to all forms of violence. In particular, through an unedited reading of Kafka and Melville’s narratives, she demonstrates how the modern legal systems, rather than just being instruments of control, are dreams and fantasies of non-violence. Con l’avvento della modernità, il diritto entra in una contraddizione irriducibile. Deve, simultaneamente, porre argini alla forza di cui dispone lo Stato e usufruire della stessa per rendere le proprie decisioni vincolanti. Partendo da questa paradossalità, l’autrice ricerca, nei discorsi giuridici, filosofici e letterari della modernità, gli strumenti adeguati per assicurare al diritto una progressiva differenziazione dalla vis, superando tanto quella tradizione filosofico-giuridica che lo rappresenta come un Leviatano, quanto quella che lo vuole immune da ogni forma di violenza. In particolare, attraverso una lettura inedita delle narrazioni di Kafka e Melville, dimostra come i sistemi giuridici moderni, ancor prima di essere strumenti di controllo, siano sogni, fantasie di non violenza.
Request Code : ZLIBIO3184499
Categories:
Year:
2018
Publisher:
Firenze University Press
Language:
English
ISBN 10:
8864538291
ISBN 13:
9788864538297
ISBN:
9788864538297,8864538291
Series:
Premio Città di Firenze 67

Comments of this book

There are no comments yet.
Authentication required

You must log in to post a comment.

Log in